poesia, hominis - giuseppino

 




Homines



Uomini
Sunu sos primos soldados
de s’Italia unificada
e in dogniuna contrada
sunu tottu semenados.

A dogni proa abituados
in gherra comente in paghe
frimmos che unu nuraghe
e dai tottu ammirados.

De s’istadu sos fideles
sa legge connoschen solu
e apportana consolu
ue suzzedin dispiagheres.

Persighin sos malandrinos
sos debiles proteggende
dogni die cumbattende
ladros e assassinos.

Obbidini sempre mudos
morin senza lamentu
chena ateru cuntentu
che aggiuare sos bighinos.

Sunu oe comente e deris
in rughe pro tottu cantos.
-Chie sunu custos santos?
-Sunu sos Carabineris.

Othieri 19.07.1980.                     Mesu Reale
Sono i primi soldati
dell’Italia unificata
ed in ogni contrada
son tutti seminati

Ad ogni prova abituati
in guerra come in pace
fermi come un nuraghe
e da tutti ammirati.

Dello stato i fedeli
la legge conoscono soltanto
e portano consolazione
dove succedono dispiaceri.

Inseguono i malandrini
i deboli proteggendo
ogni giorno combattendo
ladri ed assassini.

Obbediscono sempre muti
muoiono senza lamento
senza altra contentezza
che aiutare i vicini.

Sono oggi come ieri
in croce per tutti quanti.
-Chi sono questi santi?
-Sono i Carabinieri.

Ozieri 19.07.1980.                     Mesu Rale
.

Poesia Gentilmente inviata da Giuseppino.

Contatto: - giuseppino.piras@tiscali.it

 

   


 

 

 

 

Copyright 2001/ - A.N.C.Lignano - All Rights Reserved