Translation Site
Menu Principale

Chiudi ANC. Lignano

Chiudi ANC. nel Mondo

Chiudi Carabinieri del Luogo

Chiudi Carabinieri nell' ARTE

Chiudi Doc. Amministrativi

Chiudi Editoria dell'Arma

Chiudi Iniziative di Sezione

Chiudi Manifestazioni Militari

Chiudi Militaria

Chiudi NASSIRYA (Iraq)

Chiudi RACCOLTA - Barzellette

Chiudi VOLONTARIATO - ANC.

Chiudi VideoTube ANC.Lignano

LIgnano Sabbiadoro
Vota questo Sito


Brig.Valvason Severino
il vostro Webmaster
Sondaggi
Cosa pensi del Sito ?
 
Eccellente !
Ottimo !
Medio !
Boh .....
C'è di Meglio !
Risultati
Chat ANC.Lignano
Entra in Chat
Webmaster - Contact
News


maxi retata a lignano 07-giugno-2015 07 giugno 2015 - LIGNANO. Dalle borse più tradizionali ai bastoni per scattarsi un “selfie”. Dagli occhiali da sole ai portachiavi laser. E poi foulard colorati, collane, braccialetti e asciugamani per la spiaggia. In tutto sono stati 802 gli oggetti sequestrati nel “blitz” contro i venditori abusivi a cui hanno preso parte la Polizia locale e la Capitaneria di Porto con il supporto del Corpo forestale regionale impegnato in operazioni di controllo nella pineta e nell’area boschiva all’interno del villaggio Getur. Una ventina i venditori fermati.
Maxi operazione Ventiquattro persone delle forze dell’ordine che, parte in divisa e parte in borghese, hanno controllato il litorale dal villaggio Getur fino alla “Sacca”, ufficio numero 8 a Pineta, e dall’ufficio 17 all’ufficio 19 a Sabbiadoro.

In alcuni casi sono stati gli stessi turisti a indicare agli agenti della Polizia locale dove fossero i venditori o in che direzione si fossero diretti. Una ventina, come detto, quelli fermati poi sanzionati con “multe” per commercio abusivo. Nessuno ha reagito o tentato di scappare come accaduto in altre occasioni. Merce in pineta Sono stati rinvenuti tra i cespugli o nella pineta anche sacchi contenenti merci contraffatte. Con molta probabilità i venditori abusivi le lasciavano lì nascoste nelle vegetazione e una volta venduti tutti gli oggetti ritornavano a rifornirsi. È stata trovata anche immondizia abbandonata tra gli alberi.

L’intervento del sindaco Ha prima rivolto un “grazie” a tutte le forze dell’ordine impegnate nella maxi-operazione di sequestro e poi ha voluto rispondere alle critiche che gli erano piombate addosso dal coordinamento del centrodestra lignanese sulla campagna contro l’abusivismo avviata in città dal Comune in sinergia con la Prefettura di Udine. «Da una parte questa campagna – ha affermato il primo cittadino Luca Fanotto – è informativa in quanto si vuole ribadire il principio della legalità invitando tutti i turisti e i residenti a non acquistare questa merce, che può rappresentare anche un rischio per la salute, in quanto venendo meno la domanda ci sarà anche un calo dell’offerta.
Dall’altra parte l’iniziativa portata avanti ha un carattere repressivo tesa al sequestro delle merci attraverso operazioni coordinate. Ritengo che quanto affermato dal centro destra sia stato intempestivo rispetto a quanto oggi (ieri per chi legge ndr) si è concretizzato oltre al fatto che si preferisce sempre strumentalizzare invece che informarsi». Campagna anti-abusivismo Al “blitz” di ieri mattina seguirà una serie di operazioni che saranno messe in campo durante tutta l’estate. Anche quest’anno, infatti, si prosegue il percorso avviato la scorsa stagione attraverso il rinnovo della convenzione con l'associazione dei Carabinieri in congedo di Lignano e l'associazione nazionale finanzieri d'Italia, sezione di Latisana.

In ogni ufficio spiaggia del litorale è stato distribuito del materiale informativo e affisso un cartello, scritto in diverse lingue, in cui si ricorda agli ospiti che «la legge italiana punisce le persone che effettuano acquisti da venditori non autorizzati» .
Sanzioni L’acquisto di merci da venditori abusivi, così come il sottoporsi a un massaggio oppure il richiedere un tatuaggio o le treccine sarà perseguito a norma di legge con una sanzione amministrativa da un minimo di 100 fino a un massimo di 7.000 euro. Sono infatti tutte azioni vietate.

Prefettura e Comune sono uniti nella battaglia contro l’abusivismo. E proprio per questo hanno programmato una regia unitaria per mettere in atto interventi rapidi ed efficaci. Una battaglia per la legalità come hanno più volte ripetuto le autorità. Che proseguirà, senza sosta, nei prossimi tre mesi.

FONTE: 07 giugno 2015 - MessaggeroVeneto


Lignano nuova caserma dei carabinieri GRAZIE ALL'ACCORDO TRA COMUNE E GE.TUR IL PERCORSO NON HA PIÙ INTERRUZIONI E DIVENTA REALTÀ DOPO ANNI DI ATTESA. Il Sindaco. “Qualcuno ha detto chi non si stupisce delle cose belle è moralmente corrotto”

Ieri mattina la pista ciclo pedonale che collega Lignano Sabbiadoro a Lignano Pineta è divenuta finalmente realtà.

Al taglio del nastro hanno assistito tantissimi Lignanesi e turisti, che subito dopo, a piedi o in bicicletta, hanno percorso entusiasti il nuovo tragitto in mezzo alla pineta. Finalmente dopo 50 anni, i due lungomari si sono uniti in un unico lungo e suggestivo percorso dotato anche di accesso wi-fi gratuito.

Alla cerimonia hanno partecipato il Sindaco di Lignano, Avv. Luca Fanotto, e la Giunta comunale, il Vice Presidente della Regione FVG Sergio Bolzonello, l’Assessore alle Infrastrutture Maria Grazia Santoro, il Vicepresidente del Consiglio regionale Paride Cargnelutti, il Presidente dell’Efa-Getur Giancarlo Cruder, il Direttore Generale dell’Efa-Getur Furio Cepile, e il parroco di Lignano Sabbiadoro Don Angelo Fabris. Presenti anche una rappresentanza dell’Istituto Comprensivo “G.Carducci” e dell’Istituto Tecnico Economico Indirizzo Turistico “Pietro Savorgnan di Brazzà”.

L’apertura è stata possibile grazie a un accordo siglato nei mesi scorsi tra la Società Gestione Turistiche Assistenziali e il Comune di Lignano Sabbiadoro.

“La Ge.Tur, spesso vista come “una città nella città” – ha detto il Sindaco Fanotto - ha deciso di aprire parte del proprio spazio a tutti i cittadini, permettendo così di compenetrarsi con l’intero territorio. Sono state posizionate recinzioni utili a perimetrare lo spazio del villaggio e i relativi ospiti della struttura, mantenendo al contempo gli accessi alla spiaggia e al mare. Parallelamente il Comune ha provveduto alla collocazione della fibra ottica necessaria per garantire l’accesso gratuito al wi-fi anche in quest’area. La pista sarà fruibile durante tutto l’anno, dal 15 aprile al 30 settembre dalle 7 alle 24, mentre nel restante periodo di dalle 7 alle 20”.

“Per oltre due anni l’Amministrazione ha lavorato con impegno per la realizzazione di questo importante progetto – ha concluso il primo cittadino di Lignano -. Un’idea che abbiamo fortemente voluto e promosso con una raccolta firme già da quando occupavamo le file dell’opposizione e che ora è diventata realtà. Una tappa storica per Lignano, che offre da oggi un servizio in più a turisti e residenti, che ora, in piena sicurezza, potranno percorrere in bici e a piedi tutto il lungomare della località turistica”.
“Questo percorso è un valore aggiunto per chi lo frequenterà – spiega il Direttore dell’ Efa Getur Furio Cepile -, ma anche per la struttura stessa. Si tratta infatti di una vera e propria vetrina all'aperto che permette di vedere le strutture e gli impianti all'interno del villaggio e di far comprendere l’importanza che possono avere anche e soprattutto per la cittadinanza di Lignano. E’ positivo anche per i nostri ospiti, perché finalmente hanno la possibilità di vivere in un ambiente circoscritto, ma non chiuso. Credo che davvero questa pista sia un valore per tutti”.


Una quindicina i colpi messi a segno per quasi 70 mila euro di refurtiva. Recuperati beni per 15 mila euro

LATISANA Tre albanesi in manette 03 aprile 2015 03 aprile 2015 - LATISANA. Tre albanesi in manette, un connazionale che li ospitava denunciato, oltre 15 mila euro di refurtiva recuperata.

Sono alcuni dei particolari illustrati dal Comandante dei Carabinieri di Latisana, capitano Filippo Sautto e riferiti all’operazione “Punto” dal modello di auto inizialmente utilizzata dagli arrestati, per commettere tutta una serie di furti nella Bassa Friulana e in provincia di Venezia.

Una quindicina i colpi messi a segno per quasi 70 mila euro di refurtiva. Rocambolesco l’arresto di due dei tre fermati, bloccati a bordo di un pullman diretto in Albania. (p.ma.)

Fonte: Messaggero Veneto 03 aprile 2015


Anime di Piombo - da valvasev il 04/01/2015 @ 17:59

Anime di Piombo a LatisanaGorgo di Piombo
Bella iniziativa del Circolo Giovanile di Gorgo che, con il Patrocinio della Regione e la collaborazione del Comune di Latisana, ha allestito un evento teatrale dal titolo “Anime di Piombo”, che si vedrà in scena all’Odeon il venerdì 23 gennaio alle 20.45 con ingresso gratuito.

Si tratta di un’opera ispirata dalla tragedia del terrorismo che l’Italia ha vissuto negli anni ‘70/’80 del secolo scorso; grazie al testo di Andrea Regeni e Sandra Cosatto, con la regia di Paola Bonesi, la “piece” ripercorre quella tragedia che ha colpito direttamente la comunità latisanese di Gorgo, in particolare con l’uccisione di Enea Codotto.

Alla mattina, alle 10.30, spettacolo per studenti. Complimenti per l’idea e la voglia di fare.

Condividi su Facebook


Virgo Fidelis a LatisanaLATISANA. C’erano tutti i sindaci del territorio di competenza della Compagnia dei carabinieri di Latisana, l’altra mattina, riuniti nella chiesa di Sant’Antonio per la tradizionale celebrazione...

LATISANA. C’erano tutti i sindaci del territorio di competenza della Compagnia dei carabinieri di Latisana, l’altra mattina, riuniti nella chiesa di Sant’Antonio per la tradizionale celebrazione della Virgo Fidelis, patrona dell'Arma, cerimonia officiata dall’Abate Pievano monsignor Carlo Fant. Celebrazione quest’anno ancora più solenne per l’anniversario dei 200 anni dalla fondazione dell’Arma dei carabinieri e concomitante con il 73esimo anniversario dalla battaglia di Culquaber, in Africa orientale, che valse alla bandiera dell'Arma la seconda Medaglia d’oro al Valor militare.

Nel corso della cerimonia, il comandante della Compagnia di Latisana, capitano Filippo Sautto, ha voluto ringraziare tutti i sindaci che, con la loro presenza, hanno suggellato con un atto concreto il forte legame che esiste tra l'Arma e le comunità locali, fondato su rapporti di stima e di profonda fiducia: «La vostra presenza è un segnale tangibile della considerazione e della fiducia che le popolazioni ripongono nei carabinieri - ha detto Sautto - i quali operano quotidianamente al servizio dei cittadini con dedizione e sentito spirito di servizio, sempre rivolto al bene della collettività».

Il capitano ha quinti rivolto parole di gratitudine ai militari in quiescenza delle sezioni locali dell’Associazione nazionale carabinieri e ha ricordato l’impegno e la devozione al dovere dei carabinieri e, molto spesso, delle famiglie che vivono accanto a loro. (pa.ma.)
FONTE: Messageroveneto
PHOTO Gallery: in allestimento


InizioPrecedente [ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ] SuccessivoFine
Comunicati del Webmaster
SlideShow - Notice
  • enea-codotto.jpg

    Cerimonia 2019 M.O.V.M.Enea Codotto

  • enea-codotto.jpg

    Cerimonia 2019 M.O.V.M.Enea Codotto

Contattaci
Members

Log in
---

Il tuo nome :

Il tuo codice segreto (associato al tuo pseudonimo)


 Numero di membri  8 membri


Utenti registrati online

( Nessuno )
Newsletter
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Captcha
Ricopia il codice :
Calendario EVENTI
Pubblicità Amici
LegaNord Latisana Isola Java anclignano yorkshire susy pertegada calcio
profilo facebook
Ricerche



Slide - JPG GallerY

Visite

 1229970 visitatori

 3 visitatori online

^ Torna in alto ^